Dall’analisi dei dati sul Web probabilmente vincerà il Si al Referendum Costituzionale

sino

In queste settimane che precedono il Referendum Costituzionale del 4 dicembre, molti italiani si stanno dedicando al confronto su numerosi social network, su siti internet dedicati, su portali pubblici e su chat private; insomma, siamo nel pieno di una campagna “per il Si” o “per il No”, di cui tutti, anche inconsciamente forse, facciamo parte.

Tutti i sondaggi, che chiaramente contano fino ad un certo punto ovviamente, cosi come QUESTO ARTICOLO, provano a testare il polso della votazione popolare.

Andando a dare uno sguardo alla storia dei sondaggi svolti su questa tematica di riforma costituzionale (denominata Renzi-Boschi) si nota una storia abbastanza netta in realtà.

Prendendo come fonte Wikipedia possiamo vedere come, evidentemente, il NO sia in netta ascesa da quando è iniziato il percorso della riforma in parlamento, seppur notiamo come, altrettanto con evidenza, la riforma sia stata sostenuta “dai sondaggi” praticamente fino a quando è divenuta realmente attuabile.

Sondaggi antecedenti l’approvazione finale della riforma in Parlamento

Sondaggi svolti dalla nascita del progetto di riforma costituzionale (primi mesi del 2014) fino al mese precedente il voto finale sulla riforma in Parlamento (marzo 2016).

Data Realizzatore Committente o acquirente Campione Percentuali
senza
indecisi/astenuti
Percentuali
inclusi
indecisi/astenuti
Astenuti Indecisi Affluenza dichiarata Margine di errore
[N 1] No[N 2] [N 1] No[N 2]
31 marzo 2014 Ipsos Ballarò 800 72% 28% 63% 24% 13% ±3,5%
31 marzo 2014 Istituto Piepoli ANSA, La Stampa, SkyTG24 504 73% 27% 66% 24% 10% ±4,3%
7 aprile 2014 IPR Marketing TG3 948 71% 29% 57% 23% 20% ±3,3%
28-30 giugno 2014 Lorien Consulting Italia Oggi 1 000 54%[N 3] 3,5%
7 luglio 2014 Istituto Piepoli ANSA, La Stampa, SkyTG24 506 60%[N 4] 40%[N 5] 53%[N 4] 35%[N 5] 12% ±4,3%
4 agosto 2014 Istituto Piepoli ANSA, La Stampa, SkyTG24 505 53% 47% 46% 41% 13% ±4,3%
11 marzo 2015 Istituto Ixè Agorà 1 000 41% 59% 28% 41% 31% ±3,1%
21 settembre 2015 Istituto Piepoli ANSA, La Stampa, SkyTG24 510 54% 46% 48% 41% 11% ±4,3%
5 ottobre 2015 Euromedia Research Ballarò 800 50,2% 49,8% 32,8% 32,5% 34,7% ±3,5%
12 ottobre 2015 Tecnè Porta a Porta 1 000 54% 46% 41% 35% 15% 9% ±3,1%
12 ottobre 2015 IPR Marketing Porta a Porta 991 58% 42% 46% 33% 10% 11% ±3,3%
11-13 ottobre 2015 Demopolis RaiNews24 1 200 79% 21% 67% 18% 15% 3,1%
14 ottobre 2015 Istituto Ixè Agorà 1 000 48% 52% 32% 34% 34% ±3,1%
9 novembre 2015[2][3] Euromedia Research 800 59,8% 40,2% ±3,5%
16-24 novembre 2015 Demetra Il Sole 24 Ore 1 522 68,3% 31,7% 2,51%
9-10 gennaio 2016 EMG Acqua La7 1 875 66,8% 33,2% 46% 46,2% ±2,3%
9-11 gennaio 2016 Demopolis Otto e mezzo 1 000 74% 26% 60% 21% 19% 45% 3%
13 gennaio 2016 Istituto Ixè Agorà 1 000 58% 42% 44% 32% 24% 52%[N 6] ±3,1%
15-20 gennaio 2016 Index Research Piazzapulita 800 68% 32% 12% 45%[N 7] ±2,2%
23-24 gennaio 2016 EMG Acqua La7 1 908 69,9% 30,1% 50,7% 47,2% ±2,2%
25 gennaio 2016 Ipsos Dimartedì 600 59% 41% 22% 15% 55% 8% 45%[N 8] ±3,5%
27 gennaio 2016 Istituto Ixè Agorà 1 000 56% 44% 45% 36% 19% 55%[N 9] ±3,1%
27-28 gennaio 2016 Ipsos Corriere della Sera 998 57% 43% 21% 16% 54% 9% 46%[N 8] ±3,1%
5 febbraio 2016[2][3] Euromedia Research 800 49,0% 51,0% ±3,5%
8 febbraio 2016 Istituto Piepoli ANSA, Sky TG24 510 64% 36% 24% ±4,3%
22-25 febbraio 2016 Demos&Pi e Demetra la Repubblica 1 014 68% 32% 50% 24% 26% ±3,1%
74%[N 10] 26% 60% 21% 19%
febbraio 2016[4] Index Research Piazzapulita 1 000 76% 24% 53% 17% 30% 40%[N 11] ±3,5%
29 marzo 2016[2][3] Euromedia Research Ballarò 800 50,4% 49,6% 26,2% 25,8% 48% ±3,5%
marzo 2016[4] Index Research Piazzapulita 1 000 68% 32% 52% 25% 23% 45%[N 12] ±3,5%
In media, su 28 rilevamenti, tra chi ha espresso un parere sulla riforma, il 62% si è mostrato favorevole e il 38% circa contrario.
Affluenza media dichiarata: 47% circa (su 10 rilevamenti)

Sondaggi tra l’approvazione della riforma in Parlamento e l’indizione del referendum

Sondaggi svolti tra il voto finale parlamentare sulla riforma del 12 aprile 2016 e l’indizione formale del referendum del 27 settembre 2016.

Data Realizzatore Committente o acquirente Campione Percentuali
senza
indecisi/astenuti
Percentuali
inclusi
indecisi/astenuti
Astenuti Indecisi Affluenza dichiarata Margine di errore
No No
12-14 aprile 2016 Scenari Politici – Winpoll 1 600 47,5% 52,5% 42% ±1,51%
15 aprile 2016[2][3] Euromedia Research 800 50,3% 49,7% ±3,5%
18 aprile 2016[2][3] Euromedia Research Ballarò 800 48,1% 51,9% 26,0% 28,1% 45,9% ±3,5%
20 aprile 2016 Istituto Ixè Agorà 1 000 53% 47% 69%[N 13] ±3,1%
26-27 aprile 2016 Demopolis Otto e mezzo 1 200 58% 42% 40% 19% 47%[N 14] ±3,2%
29-30 aprile 2016 Index Research Piazzapulita 1 000 62% 38% 50% 30% 20% 49%[N 15] ±3,5%
2 maggio 2016 Euromedia Research Ballarò 800 48,0% 52,0% 30,0% 32,5% 37,5% ±3,5%
4 maggio 2016 Eumetra Monterosa il Giornale 800 40% 60% 17% 26% 57% ±3,5%
9 maggio 2016[5] Istituto Piepoli Affaritaliani.it 500 62% 38% 46% 28% 26% 89%[N 16] ±4,3%
11 maggio 2016 Istituto Ixè Agorà 1 000 46% 54% 72%[N 17] ±3,1%
11-13 maggio 2016 Scenari Politici – Winpoll HuffingtonPost.it 1 600 49,5% 50,5% 44%[N 18] ±1,91%
13 maggio 2016 Tecnè Porta a Porta 1 000 50-53%[N 19] 47-50%[N 19] 45-55% ±3,1%
12-14 maggio 2016 Index Research Piazzapulita 1 000 56,4% 43,6% 44% 34% 22% 46%[N 20] ±3,5%
14-15 maggio 2016 EMG Acqua La7 1 785 52,4% 47,6% 26,1% 23,7% (47,6%[N 21]) 50,2% 52,4%[N 8] ±2,3%
16 maggio 2016[6] Istituto Piepoli ANSA, Sky TG24, La Stampa 500 55% 45% 41% 33% 26% 88%[N 22] ±4,3%
16-17 maggio 2016 IPR Marketing Porta a Porta 1 000 45-54%[N 23] 46-55%[N 23] 45-55% ±3,2%
18 maggio 2016 Istituto Ixè Agorà 1 000 48% 52% 69%[N 24] ±3,1%
maggio 2016[7] Demopolis 56% 44%
3-4 giugno 2016 Index Research Piazzapulita 800 52,5% 47,5% 42% 38% 20% 47%[N 25] ±3,5%
5 giugno 2016[7] Demopolis 53% 47%
6 giugno 2016 Euromedia Research 1 000 47,9% 52,1% 29,9% 32,5% 37,6% ±3,1%
13 giugno 2016 Euromedia Research Ballarò 800 46,8% 53,2% 29,0% 33,0% 38,0% ±3,5%
18-19 giugno 2016 EMG Acqua La7 1 618 51,3% 48,7% 28,6% 27,2% 44,2% ±2,4%
20 giugno 2016 Euromedia Research Ballarò 800 46,0% 54,0% 28,8% 33,8% 37,4% ±3,5%
23 giugno 2016 Istituto Ixè Agorà 1 000 48% 52% 72%[N 26] ±3,1%
23-24 giugno 2016 Scenari Politici – Winpoll Huffington Post 1 400 46% 54% 48%[N 27] ±1,95%
25-26 giugno 2016 EMG Acqua La7 1 631 50,3% 49,7% 29,3% 29,0% (41,9%[N 21]) 41,7% 58,1%[N 8] ±2,4%
27 giugno 2016 Euromedia Research Ballarò 800 46,4% 53,6% 29,0% 33,5% 37,5% ±3,5%
27-29 giugno 2016 Demos&Pi e Demetra la Repubblica 1 012 55% 45% 37% 30% 33% ±3,1%
52%[N 10] 48% 38% 35% 27%
30 giugno 2016[7] Demopolis 49% 51%
2-3 luglio 2016 EMG Acqua La7 1 633 47,8% 52,2% 27,4% 29,9% (41,9%[N 21]) 42,7% 58,1%[N 8] ±2,4%
4 luglio 2016 Euromedia Research Ballarò 800 45,7% 54,3% 28,6% 34,0% 37,4% ±3,5%
6 luglio 2016 Istituto Ixè Agorà 1 000 46% 54% 27% 32% 26% 15% 74%[N 8] ±3,1%
9-10 luglio 2016 EMG Acqua La7 1 648 48,4% 51,6% 26,9% 28,7% (40,9%[N 21]) 44,4% 59,1%[N 8] ±2,4%
12-13 luglio 2016 Ipsos Corriere della Sera 1 002 51% 49% 26% 25% 42% 7% 58%[N 8] ±3,1%
16-17 luglio 2016 EMG Acqua La7 1 663 48,5% 51,5% 27,8% 28,5% (40,7%[N 21]) 42,7% 59,3%[N 8] ±2,4%
16-18 luglio 2016[7] Demopolis L’Espresso 1 500 50% 50% 26% 52% ±3,2%
23-24 luglio 2016 EMG Acqua La7 1 682 48,6% 51,4% 28,5% 30,1% (40,6%[N 21]) 41,4% 59,4%[N 8] ±2,4%
25 luglio 2016 Eumetra Monterosa il Giornale 800 37,8% 62,2% 14,0% 23,0% 3,0% 46,0% ±3,5%
27 luglio 2016 Istituto Ixè Agorà 1 000 54% 46% 44% 38% 18% 49%[N 28] ±3,1%
27-28 luglio 2016 Scenari Politici – Winpoll HuffingtonPost.it 1 000 47,5% 52,5% 46%[N 29] ±2,72%
30-31 luglio 2016 EMG Acqua La7 1 626 49,5% 50,5% 28,9% 29,5% (40,8%[N 21]) 42,0% 59,2%[N 8] ±2,4%
3 agosto 2016 Istituto Ixè Agorà 1 000 56% 44% 45% 36% 19% 51%[N 30] ±3,1%
9-11 agosto 2016 Scenari Politici – Winpoll Huffington Post 1 200 47% 53% 49%[N 31] ±2,52%
24-26 agosto 2016 Scenari Politici – Winpoll Huffington Post 1 200 46% 54% 51%[N 32] ±2,52%
29 agosto 2016 Istituto Piepoli La Stampa 510 49% 51% ±4,3%
31 agosto 2016 Istituto Ixè Agorà 1 000 55% 45% 42% 35% 23% 53%[N 33] ±3,1%
3-4 settembre 2016 EMG Acqua La7 1 606 48,6% 51,4% 26,9% 28,4% (46,0%[N 21]) 44,7% 54,0%[N 8] ±2,4%
7 settembre 2016 Istituto Ixè Agorà 1 000 53% 47% 40% 36% 24% 55%[N 34] ±3,1%
6-8 settembre 2016 Demos&Pi e Demetra la Repubblica 1 023 56% 44% 39% 31% 30% ±3,1%
52%[N 10] 48% 40% 37% 23%
10-11 settembre 2016 EMG Acqua La7 1 583 48,1% 51,9% 28,5% 30,8% (45,8%[N 21]) 40,7% 54,2%[N 8] ±2,5%
14 settembre 2016 Istituto Ixè Agorà 1 000 51% 49% 39% 37% 24% 57%[N 35] ±3,1%
14 settembre 2016 Eumetra Monterosa il Giornale 800 47,5% 52,5% 19,0% 21,0% 11,0% 49,0% ±3,5%
14-15 settembre 2016[8] Tecnè Porta a Porta 1 000 47% 53% 19% 45% ±3,1%
15 settembre 2016[9] IPR Marketing Porta a Porta 1 000 46% 54% 25% 40% ±3,3%
17-18 settembre 2016 EMG Acqua La7 1 573 46,9% 53,1% 30,1% 34,1% (45,0%[N 21]) 35,8% 55%[N 8] ±2,5%
19 settembre 2016[10] Eumetra Monterosa il Giornale 800 47% 53%
20-21 settembre 2016 Index Research Piazzapulita 800 49% 51% 33% 27% ±3,5%
21 settembre 2016 Istituto Ixè Agorà 1 000 52% 48% 38% 35% 27% 54%[N 36] ±3,1%
22-23 settembre 2016 Lorien Consulting Italia Oggi 1 000 51% 49% 37% 36% 27% 55% ±3,5%
23 settembre 2016[11] Euromedia Research 1 000 48,6% 51,4% 25,3% 26,8% ±3,1%
24-25 settembre 2016 EMG Acqua La7 1 635 45,5% 54,5% 29,6% 35,5% (44,1%[N 21]) 34,9% 55,9%[N 8] ±2,4%
26 settembre 2016[10] Eumetra Monterosa il Giornale 800 45% 55%
25-27 settembre 2016 Demopolis Otto e mezzo 1 200 49,5% 50,5% 28% 52% ±3,3%
26-28 settembre 2016 Format Research 1 000 48,9% 51,1% 40,1% 41,9% (47,9%[N 21]) 18% 52,1% ±3,2%
In media, su 65 rilevamenti, tra chi ha espresso un parere sulla riforma, il 49,8% si è mostrato favorevole e il 50,2% circa contrario.
Affluenza media dichiarata: 56% circa (su 43 rilevamenti)

Sondaggi successivi all’indizione del referendum

Sondaggi svolti dopo l’indizione formale del referendum, avvenuta con decreto del Presidente della Repubblica il 27 settembre 2016, e fino all’ultimo periodo utile di pubblicazione di sondaggi sullo stesso (18 novembre 2016). Ai sensi dell’articolo 8 della legge 22 febbraio 2000, n. 28, è infatti vietata la pubblicazione di sondaggi nei quindici giorni antecedenti la data del voto.

Data Realizzatore Committente o acquirente  

Campione

Percentuali
senza
indecisi/astenuti
Percentuali
inclusi
indecisi/astenuti
Astenuti Indecisi Affluenza dichiarata Margine di errore
No No
28 settembre 2016 Index Research Piazzapulita 800 48,5% 51,5% 34% 29% ±3,5%
28 settembre 2016 Istituto Ixè Agorà 1 000 51% 49% 38% 36% 26% 53%[N 37] ±3,1%
29-30 settembre 2016 Scenari Politici – Winpoll Huffington Post 1 500 47,5% 52,5% 53%[N 38] ±1,65%
30 settembre 2016[11] Euromedia Research 1 000 47,6% 52,4% 25,0% 27,5% 6,2% 41,3% 52,5%[N 39] ±3,1%
30 set.-1º ott. 2016 Ipsos Corriere della Sera 998 48% 52% 23% 25% 44% 8% 56%[N 8] ±3,1%
1-2 ottobre 2016 EMG Acqua La7 1 633 46,6% 53,4% 31,4% 36,0% (44,2%[N 21]) 32,6% 55,8%[N 8] ±2,4%
3-5 ottobre 2016 Sondaggi Bidimedia – Bi3 820 46,5% 53,5% 35% 15% 50% ±3,4%
5 ottobre 2016 Index Research Piazzapulita 800 48,3% 51,7% 38% 22% ±3,5%
5 ottobre 2016 Istituto Ixè Agorà 1 000 51% 49% 38% 37% 25% 50%[N 40] ±3,1%
8-9 ottobre 2016 EMG Acqua La7 1 661 47,1% 52,9% 32,3% 36,3% (43,8%[N 21]) 31,4% 56,2%[N 8] ±2,4%
8-9 ottobre 2016 Lorien Consulting Italia Oggi 1 000 48% 52% 34% 37% 29% 54% ±3,5%
10-12 ottobre 2016 Demopolis l’Espresso 1 500 49% 51% 35% 36% 29% 53% ±3,2%
12 ottobre 2016 Istituto Ixè Agorà 1 000 50% 50% 37% 37% 26% 51%[N 41] ±3,1%
13 ottobre 2016 Index Research Piazzapulita 800 48,6% 51,4% 35% 20% ±3,5%
14 ottobre 2016 Scenari Politici – Winpoll Huffington Post 1 500 46% 54% 54%[N 42] ±1,65%
14-15 ottobre 2016[12] Euromedia Research 1 000 47% 53% 23,2% 26,2% 6,8% 43,8% 49,4%[N 43] ±3,1%
14-15 ottobre 2016 Tecnè Porta a Porta 1 000 48% 52% 18% 49% ±3,1%
15 ottobre 2016 IPR Marketing Porta a Porta 1 003 48,5% 51,5% 17% 48% ±3,3%
15-16 ottobre 2016 EMG Acqua La7 1 643 47,7% 52,3% 33,8% 37,0% (42,3%[N 21]) 29,2% 57,7%[N 8] ±2,4%
18-19 ottobre 2016 Index Research Piazzapulita 1 000 48,5% 51,5% 37% 20% ±3,5%
19 ottobre 2016 Istituto Ixè Agorà 1 000 49% 51% 37% 38% 25% 55%[N 44] ±3,1%
19 ottobre 2016 Eumetra Monterosa Comitato Lavoratori per il NO alla Riforma Costituzionale 800 46% 54% 23% 27% 15% 35% ±3,5%
19-20 ottobre 2016 Demopolis Otto e mezzo 1 200 51% 49% 27% 53% ±3,2%
20 ottobre 2016 Ipsos Corriere della Sera 1 002 46% 54% 22,4% 26,8% 42,3% 8,5% 57,7%[N 8] ±3,1%
21 ottobre 2016 Scenari Politici – Winpoll Huffington Post 1 500 48% 52% 54% ±1,65%
21-22 ottobre 2016 Tecnè Porta a Porta 1 000 47,5% 52,5% 17% 49% ±3,1%
21-22 ottobre 2016 IPR Marketing Porta a Porta 1 001 49,2% 50,8% 17% 49% ±3,3%
21-23 ottobre 2016 EMG Acqua La7 1 670 47,9% 52,1% 34,7% 37,8% (41,1%[N 21]) 27,5% 58,9%[N 8] ±2,4%
26 ottobre 2016 Index Research Piazzapulita 800 48,7% 51,3% 38% 19% ±3,5%
26 ottobre 2016 Istituto Ixè Agorà 1 000 48% 52% 37% 40% 23% 56%[N 45] ±3,1%
26 ottobre 2016 Eumetra Monterosa Comitato Lavoratori per il NO alla Riforma Costituzionale 800 46% 54% 23% 27% 15% 35% ±3,5%
24-27 ottobre 2016 Demos&Pi e Demetra la Repubblica 1 213 47% 53% 35% 39% 26% ±2,8%
26-27 ottobre 2016 Demopolis 1 000 49,5% 50,5% 36,1% 36,9% 27% 52% ±3,3%
27-28 ottobre 2016 Scenari Politici – Winpoll Huffington Post 1 500 47,5% 52,5% 53% ±1,65%
27-29 ottobre 2016 Tecnè RTI 1 500 47,1% 52,9% 23,0% 25,8% 51,2% ±2,5%
28-30 ottobre 2016 EMG Acqua La7 1 557 48,0% 52,0% 34,7% 37,6% (40,6%[N 21]) 27,7% 59,4%[N 8] ±2,4%
2 novembre 2016 Istituto Ixè Agorà 1 000 49% 51% 38% 39% 23% 58%[N 46] ±3,1%
2 novembre 2016 Index Research Piazzapulita 800 48,2% 51,8% 38% 21% ±3,5%
2 novembre 2016 Eumetra Monterosa Comitato Lavoratori per il NO alla Riforma Costituzionale 800 45% 55% 26% 32% 8% 34% ±3,5%
4 novembre 2016 Scenari Politici – Winpoll Huffington Post 1 500 47% 53% 54% ±1,65%
3-4 novembre 2016 Demopolis Otto e Mezzo 1 200 48,5% 51,5% 35,9% 38,1% 26% 54% ±3,2%
4 novembre 2016 Euromedia Research 800 47,9% 52,1% ±3%
4-5 novembre 2016 Tecnè Porta a Porta 1 000 47% 53% 16% 50% ±3,1%
4-6 novembre 2016 EMG Acqua La7 1 815 47,6% 52,4% 34,8% 38,3% (40,3%[N 21]) 26,9% 59,7%[N 8] ±2,3%
9 novembre 2016 Istituto Ixè Agorà 1 000 48% 52% 37% 40% 23% 61%[N 47] ±3,1%
9 novembre 2016 Index Research Piazzapulita 800 47,8% 52,2% 40% 22% ±3,5%

Dunque, ad oggi, PRATICAMENTE TUTTI I SONDAGGI danno per vincente il No al Referendum Costituzionale, che vedrebbe, dal mio punto di vista giustamente, respinta questa riforma.

Purtroppo però bisogna anche provare a testare realmente il polso della “votazione popolare”.

Andando a dare una sbirciata sui vari siti web, blog, pagine personali e tanti gruppi social, si nota in realtà come la tendenza al No sia piuttosto diffusa seppur sia nettamente bilanciata, se non a volte superata, dalla presenza costante di sostenitori del Si.

Dunque se sui social, a livello di OPINIONI, si potrebbe trarre un discorso approssimativo di 50% – 50% , l’intera partita referendaria si giocherà sulla “eventuale partecipazione” o meno degli “astensionisti”.

Se l’astensionismo sarà confermato ( vedi le precedenti tornate elettorali), come evidenzia l’enorme disinteresse diffuso per le questioni politiche del nostro paese (anche in termini di discussione sui social), probabilmente si andrà in contro ad una netta vittoria del Si, in quanto “la pancia” “anti-sistema” del paese avrebbe deciso di negativizzare la votazione proponendo l’astensione come strumento di critica allo stesso sistema, lasciando però in questo caso “in netta minoranza” i precedentemente calcolati probabili sostenitori del “NO” alla Riforma Costituzionale.

Se questo caso, come prevedibile, si verificherà, allora sarà evidente che andrà alle urne una netta maggioranza di persone intenzionate a confermare la riforma, per convinzione o per l’informazione martellante ricevuta da telegiornali, sigle, pubblicità e quant’altro; ma fatto sta che saranno la maggioranza e dovremo, a quel punto, abbracciare l’inevitabile cambiamento costituzionale.

Tutto questo senza contare che, come anticipato brevemente, la maggioranza delle discussioni sul web è completamente indifferente alla tematica referendaria, e molto spesso anche quando ne volesse centrare il punto, si limita ad un “voto no” o un “voto si”, senza molta voglia di argomentare.

Dunque, dopo intere giornate passate ad osservare i dati di visualizzazione di siti, di interazione e di argomentazione di commenti, purtroppo sono arrivato al calcolo che questa riforma costituzionale passerà, e non credo nemmeno di cosi poco.

La mia proiezione, ad oggi, è 62% SI – 38% NO.

Visto che, ultimamente (vedi elezioni americane) si è abituati a buttare li un’opinione, trasformarla simpaticamente in sondaggio, e poi sbagliare, ecco la mia.

Vedremo il 4 dicembre verso mezzanotte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *